RADICALISATION: IS THIS THE RIGHT PATH TO BE FOLLOWED OR SHOULD WE DO MORE?  France’s challenges for working out a coherent strategy against violent radicalization and terrorism. A broad (and incomplete) outline. | sicherheitspolitik-blog.de

by Milena Uhlmann

Terrorism isn’t new to the country; in its history, France has experienced a significant number of attacks. In 1995, the GIA-affiliated terrorist network of which Khaled Kelkal was part conducted several attacks, as did the Al Qaida-affiliated gang de Roubaix one year later; but until Mohammed Merah’s murders in 2012 in Toulouse and Montauban, terrorist attacks were treated as political violence in the context of anti-colonial struggles or connected to other kinds of violent conflicts abroad, such as the Bosnian War, rather than as religiously inspired or connected to social, societal and/or political issues within the country, or as some sort of atypical pathology.

Terrorist perpetrators, their networks and milieus were met with repressive instruments – a wider angle of analysis which would have allowed to tackle the threat from a more holistic perspective had not been incorporated in a counter-terrorism policy design.

FIRST STEPS – THE “ACTION PLAN AGAINST TERRORIST NETWORKS AND VIOLENT RADICALIZATION“ (2014) AND THE FIRST STRUCTURED EFFORT TO PROVIDE STATE ASSISTANCE IN THE CONTEXT OF RADICALIZATION.

With some vague kind of sense of urgency developing after an increasing number of young French men and some women started to leave for Syria to join jihadist groups there in 2012/13, the French government put together the “Plan de lutte contre les filières terroristes et la radicalisation violente“ (Action Plan against Terrorist Networks and Violent Radicalization), comprised of 22 measures. This plan dating from April 2014 put priorities on impeding travel to Syria, preventing online jihadist propaganda, the hesitant start of diffusion of so called „counter narratives“, strengthening judicial instruments against jihadist networks and implementing prevention and reintegration strategies.In April the same year, the government created a national hotline (“numéro vert“) as part of a new structure called „Centre national d’assistance et de prévention de la radicalisation“ (National Assistance and Radicalization Prevention Center, CNAPR). Persons believed to be wanting to leave to the region, or to have radicalized / be on the path to radicalization, can since be reported to the CNAPR. The calls are taken by police officers from the “Unité de coordination de la lutte antiterroriste” (Coordination Unit for the Fight Against Terrorism, UCLAT), who are assisted by a psychologist. It receives on average between 60 and 80 calls every day. From the end of April 2014 until end of September 2016, 12.265 alerts had been processed either by the CNAPR or the Security Staff in the prefectures (4.015 of them had been signaled until March 2015, 8.250 until January 2016). In total, 15.000 persons have been signaled through UCLAT, the prefectures or different intelligence services; 80 percent of them are adults, 70 percent of those are males, whilst females make up for the biggest part of the minors. 36 percent are converts. Seven percent of those signaled left to the SYRAQ region, and 20 per cent of them died there. Of the total number of persons, UCLAT is monitoring about 2.000 which are deemed potentially dangerous.

The information gathered and analyzed is forwarded to the prefecture responsible for the region the signaled person lives in as well as to the internal intelligence service (Direction Générale de la Sécurité Intérieure, DGSI). The prefect then notifies the relevant public prosecutor. If the reported case concerns a minor, the prosecutor can then strive for the implementation of educational assistance measures with regard to the family concerned. With the prosecutor’s consent, the prefect also notifies the mayor of the municipality the person concerned lives in. In conjunction with the prosecutor, the prefect orders stings the relevant local follow-up unit into action, which each département (county) was ordered to create in February 2015. Critics argue that this system relies too heavily on state and security services, which is partially keeping people from calling the hotline and working together with the units.

These units consist of state institutions (such as the police, the justice sector and the employment agency), regional and local authorities (such as social services) and local associative networks. Through these different actors, the units are meant to aim at providing tailored measures to assist the families of the individual in question as well as the individual him/herself. A social worker is supposed to be assigned to each case to keep track of the process. Whilst the prefect initiates this action, the role of the mayor is to assure comprehensive and coherent action taking into account the individual situation of the individual in question. Local and intercommunal councils on security and crime prevention (Conseils locaux et intercommunaux de sécurité et de prévention de la délinquance, CLISPD) should be implicated as well. Via the CLISPD, the prefect can entrust a deputy prefect with the mission to take up preventive measures and to create fallow-up units in the counties.

Apart from the fact that CLISPD are only created for municipalities with a population of more than 10.000 inhabitants and consequently this instrument cannot be used in certain rural areas, other structural problems persist: the division of tasks is not always clear, and the phenomenon of radicalization is complex. There is thus some confusion about who can or should do what, and those who find themselves confronted with the phenomenon all too often lack specific knowledge and expertise, as has amongst others been pointed out to by the Association of the Mayors of France (Association des maires de France, AMF).

Furthermore, it is proving difficult to find trained specialists who are capable of working with radicalized persons, and some families are not willing to cooperate with the follow-up unit designed for changing the path of one of their kin. This is stated by the Inter-ministerial Guide for Prevention of Radicalization dating from March 2016, provided by the Inter-ministerial Committee for Prevention of Crime and Radicalization (Comité interministériel de prévention de la délinquance et la radicalisation, CIPDR), the institution in charge of the non-repressive pillar of the French prevention efforts which is also responsible for the monitoring and quality assurance of the work of the follow-up units. In its report to the parliament for the year 2015, the CIPDR is stating that the follow-up units are not being handled coherently, with confusion over the the roles of the different partners, affecting the efficiency of the work of the units.

This is aggravated by the large and steadily growing number of those being followed-up upon with the goal of disengaging them from violence, posing a problem to proper monitoring in general: by 13th October 2016, 2.240 persons had been directed into programs monitored by local units, as well as 972 families (1.600 persons / 800 families in May 2016). Furthermore, a large number of the individuals concerned are at the same time being followed-up upon by the police, implying a heightened level of radicalization of these individuals.

THE FIRST NON-STATE PARTNER OF THE GOVERNMENT IN THE FIGHT AGAINST RADICALIZATION – THE “CENTER FOR THE PREVENTION OF SECTARIAN ABERRATIONS LINKED TO ISLAM“ (CPDSI)

The first actor that had been commissioned with the work of disengagement simultaneously to the creation of the national hotline in April 2014 was the Center for the Prevention of Sectarian Aberrations Linked to Islam (Centre de prévention des dérives sectaires liées à l’Islam, CPDSI). … …  

… KEEP READING AT 

France’s challenges for working out a coherent strategy against violent radicalization and terrorism. A broad (and incomplete) outline. | sicherheitspolitik-blog.de

 

Milena Uhlmann is Associate Fellow at the International Centre for the Study of Radicalisation and Political Violence (ICSR) in London and the author of various publications on conversion to Islam in Western Europe, radicalization processes and deradicalization approaches. (Latest publication: “Radicalisation et déradicalisation”, co-authored chapter with Asiem El Difraoui in his recent book “Le djihadisme”, Presses Universitaires de France, 2016) Since the Charlie Hebdo and Hyper Cacher attacks until after the Paris attacks of November 13, 2015, she has mainly worked in France on issues related to these phenomena. The views expressed are solely those of the author.

Adozione della risoluzione sulla moratoria della pena di morte all’Assemblea Generale dell’ONU | Notizie Geopolitiche

 

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato nei giorni scorsi, con 117 voti favorevoli, per la sesta volta la risoluzione per la moratoria universale della pena di morte. Anche di fronte alla minaccia del terrorismo e alle altre sfide alla sicurezza, il voto conferma nuovamente l’impegno della comunità internazionale per continuare a lavorare insieme verso un mondo senza la pena di morte.

Si tratta di un esito importante, ottenuto a New York, che segue la votazione sul testo adottato nel novembre scorso dalla competente Commissione dell’Assemblea Generale ONU e che giunge dopo un lavoro molto intenso condotto anche con il coinvolgimento attivo della nostra rete diplomatica.

Con l’impegno della Farnesina e di tutte le Istituzioni italiane è stato possibile consolidare il sostegno alla risoluzione. Un contributo di rilievo è stato offerto dalle organizzazioni delle società civile che partecipano assieme al MAECI alla Task Force congiunta sulla pena di morte: Comunità di Sant’Egidio, Amnesty International e Nessuno Tocchi Caino.

La risoluzione per una moratoria universale della pena di morte è promossa da una coalizione di Paesi di diverse aree geografiche. La campagna per la moratoria della pena di morte rappresenta una tradizionale priorità dell’Italia, nel campo dei diritti umani.

Source: Adozione della risoluzione sulla moratoria della pena di morte all’Assemblea Generale dell’ONU | Notizie Geopolitiche

L’EUROPA VUOLE TOGLIERVI LE ARMI… 


DITTATURA!!!
La Commissione Europea sta discutendo in questi giorni l’approvazione di una legge che limita fortemente l’acquisto di armi da fuoco da parte di privati. Una legge simile a quella introdotta dal Terzo Reich che sancì lo stesso divieto nel 1938. A partire da quell’anno, fino al 1945, sono 13 milioni le vittime dei campi di concentramento, tra ebrei e dissidenti politici.C’è chi, riferendovisi, non esita a parlare di un vero e proprio divieto de facto.
Lo scopo ultimo per l’Unione europea, però, sarebbe quello di precludere l’armamento dei gruppi terroristici che stanno insanguinando l’intera Europa.
La manovra riguardante il mercato legale è concepita come complemento ad un’altra, che sta compiendo in contemporanea il medesimo iter burocratico, atta a contrastare quello illegale da cui, dati alla mano, i terroristi attingono quasi esclusivamente per ottenere ciò di cui necessitano. Al momento le concrete iniziative in quest’ambito sono, però, pubblicamente non meglio specificate.
La limitazione ai danni dei privati cittadini, pur muniti di regolare porto d’armi, riguarderebbe “solo” la possibilità di accedere alle armi semi-automatiche e a quelle cosiddette disattivate, ovvero la maggior parte di quelle possedute da privati.
La stessa Commissione Europea precisa che il pericolo derivante dall’acquisto delle semi-automatiche deriva nel fatto che esse possano essere facilmente “trasformate” in automatiche mediante l’installazione di appositi kit reperibili illegalmente. Queste ultime, peculiari per la predisposizione a sparare ininterrottamente e senza rilascio del grilletto fino all’esaurimento delle munizioni, risultano quelle più utilizzate negli attentati terroristici, data la loro superiore capacità di offendere.
Per armi disattivate si intendono, invece, quelle che hanno subìto una serie di contestuali interventi, ad opera di organi preposti, al fine di essere rese non più funzionanti. Una volta classificate come disattivate queste armi scompaiono dai registri ufficiali, ed è proprio in questo momento che sorge il rischio, dato che il processo di disattivazione non è sempre irreversibile. Potrebbero finire in mano a malintenzionati, quindi, armi nuovamente e perfettamente funzionanti, ma non più rintracciabili.
La manovra riguarderebbe anche chi già possiede un’arma dei due generi “incriminati”: per loro ne viene previsto il sequestro.
Le critiche al progetto di legge sono sorte immediate e numerose.
La prima riguarda proprio il fatto sopracitato, ovvero che, nella quasi totalità degli atti criminali di cui si sono resi protagonisti, i terroristi risultino essersi approvigionati dai mercati neri internazionali, primo fra tutti quello balcanico.

Quest’ultimo si nutre dell’immenso arsenale conservato nei paesi della ex Jugoslavia, eredità delle guerre d’indipendenza combattute negli anni 90 dagli indipendentisti dei vari paesi in lotta contro la Serbia di Milosevic, intenzionata invece a consolidare la propria egemonia all’interno della confederazione guidata precedentemente dal defunto generale Tito.
Quella oggetto di discussione, insomma, sarebbe una legge che secondo i detrattori porterebbe a risultati modesti, per non dire nulli, in termini di contrasto al terrorismo. Ad esserne danneggiati, invece, sarebbero esclusivamente i cittadini regolarmente armati.
La questione, inoltre, arroventerà un dibattito che, specialmente in Italia, è già caldissimo, ovvero quello riguardante la possibilità di difendere sé stessi, i propri cari od i propri beni da malintenzionati o presunti tali.
C’è poi chi pone poi l’attenzione sul numero di lavoratori che resterebbero senza occupazione nel caso di una così forte contrazione del mercato globale delle armi da fuoco.
Al di là degli enormi interessi lobbistici, ci si vuol qui riferire ai numerosissimi operai che popolano quotidianamente a vario titolo gli stabilimenti produttivi sparsi in tutto il mondo, e che contribuiscono ad un commercio dall’indotto spaventoso. È stato calcolato che dal 2012 al 2016 la sola esportazione di “armi comuni”, ovvero quelle per difesa personale, sport e caccia, abbia creato un giro d’affari, in Italia, di 350 milioni di euro.
Il secondo ordine di critiche è invece retrospettivo: nel corso del XX secolo il divieto ai civili di armarsi è stata la prerogativa a stermini e genocidi terribili, perpetuati da regimi più o meno apertamente dittatoriali di qualsivoglia orientamento ideologico.
Le distinzioni, ovviamente, sono doverose: si trattava di contesti geo-politici e storico-culturali fortunatamente ben diversi da quelli in cui sta vivendo l’odierna Unione Europea.
Eppure la constatazione di questo dato di fatto non manca di gettare un’ombra un pò inquietante sull’intera vicenda.
Tra il 1915 ed il 1917 avviene il cosiddetto olocausto degli armeni: ammontano a circa 1,5 milioni coloro che vengono deportati e sterminati ad opera dell’Impero Ottomano. Nel 1911 erano stati resi inoffensivi dal divieto di possedere armi.
Nel 1929 anche l’Urss introduce il divieto di possesso di armi rivolto ai civili. Da quella data al 1953, anno della morte di Stalin, le “grandi purghe” sovietiche hanno sterminato circa 20 milioni di dissidenti, precedentemente resi impossibilitati a difendersi.
Il Terzo Reich tedesco guidato da Hitler introduce lo stesso divieto nel 1938. A partire da quell’anno, fino al 1945, sono 13 milioni le vittime dei campi di concentramento, tra ebrei e dissidenti politici.
La Cina ha disarmato i propri civili nel 1935. Circa 10 anni più tardi e fino al 1952, il leader del paese e del partito comunista, Mao Tse-tung, ne viene avvantaggiato per l’eliminazione di circa 20 milioni di dissidenti indifesi.
Le forze governative del Guatemala, successivamente condannate per genocidio, introducono il divieto nel 1964. Da quell’anno fino al 1981 ben 100mila indiani Maya, quasi tutti contadini poveri, vengono sterminati con l’accusa di sostegno ai ribelli antigovernativi.
I comunisti cambogiani, freschi vincitori della guerra del Vietnam a fianco dei nordvietnamiti contro gli Usa, hanno approfittato del divieto per i civili di armarsi in vigore dal 1956 per eliminare, tra il 1975 ed il 1977, un milioni di cittadini allo scopo di imporre il potere comunista nel resto dell’Indocina.
La storia, insomma, ci offre una curiosa (e fosca) suggestione riguardo l’eventuale approvazione della legge che l’UE si appresta a discutere.
E se nessuno vuole insinuare che le intenzioni dei governanti europei siano nemmeno paragonabili a quelle di coloro che li hanno preceduti nell’approvarla, è un dato di fatto che la limitazione degli armamenti privati abbia costituito una tentazione irrinunciabile per molti governi rivelatisi successivamente assoluti.
Spesso chi sostiene che il rapporto tra numero di armi pro capite e numero di reati violenti compiuti cresca in maniera direttamente proporzionale, porta ad esempio gli Stati Uniti.
L’oggettiva facilità nell’acquistare armi in territorio americano sarebbe quindi, semplificando, una delle cause della scarsa sicurezza sociale e della difficoltà nel contrastare gli atti violenti di cui le stesse armi da fuoco sono spesso protagoniste.
Questo mito viene inesorabilmente sfatato nel momento in cui si analizza la situazione della Svizzera. Quest’ultima, infatti, in proporzione al numero di abitanti, vanta il più alto numero di armi pro capite dell’intera Europa. Pur restando distanziata dalle cifre relative agli Usa, si è calcolato che, nel 2016, per ogni 100 abitanti elvetici siano ben 45 quelli armati (in Italia ce ne sono meno di 12).
Eppure, diversamente dagli Stati Uniti, la Svizzera è da svariati anni, nel panorama europeo, uno dei paesi col minor tasso di criminalità, collocata appena a ridosso degli insuperabili paesi scandinavi.
Per concludere, al di là delle elucubrazioni su corsi e ricorsi storici e del fuorviante rapporto armi-abitanti, ciò che conta davvero per mantenere sotto i livelli di guardia la tensione sociale di un paese dev’essere ricercato, ad esempio, nell’integrazione di stranieri e minoranze, nel livello medio dei salari, nella disoccupazione e nello stanziamento delle forze di polizia sul territorio.

(Autore: Luca Pegoraro – 29 dicembre 2016) 
Danilo Amelotti (che ovviamente sposa lo scritto!)

Is the OSCE still relevant? | Europe | DW.COM | 04.05.2016

 

 

Is the OSCE still relevant?

On this week’s “Conflict Zone,” Lamberto Zannier, OSCE Secretary General, discusses how his organization can maintain relevance in a world with aggressive states, brutal dictators and a troubling political landscape.

The Cold War is slowly coming back to life, with the conflict in Ukraine simmering, Russia buzzing American warships in the Baltic and Soviet-era bombers lurking near European airspace.

“Geopolitics are back,” Lamberto Zannier, Secretary General of the Organization for Security and Co-operation in Europe (OSCE), said on DW’s Conflict Zone with Michel Friedman. “We see competition, we see confrontation, we see lack of confidence in Europe. We also see a problem of lack of reconciliation after the end of the Cold War.”

Zannier is stuck in the middle, trying to be impossibly diplomatic. He is tasked with confronting human rights abuses and military aggression while staying on the good side of 57 countries that make up the largest intergovernmental organization in the world, including Russia, Ukraine, the United States and all 28 EU member states.

The question is, can an organization with such a broad mandate be successful at keeping peace, strengthening democracy and bridging divides?

Is the OSCE effective in Ukraine?

On April 28, the OSCE warned of a “blatant disregard” of peace agreements in Ukraine. With the conflict in eastern Ukraine ongoing since the Minsk agreement was signed in September 2014, the organization’s warning is sounding more and more like a broken record.

“It is difficult for the international community – and this is not only the OSCE – to stop a conflict of this magnitude,” Zannier said on Conflict Zone, defending the OSCE’s response to the crisis.

The OSCE has more than 700 monitors on the ground but they often have difficulty even observing effectively. Out of 37 land crossing points between Russia and Ukraine, OSCE observers are allowed at just two.

‘We are frustrated’

“We are frustrated because we would like to have access everywhere,” Zannier said. “We don’t have access everywhere but we have access to lots of places.”

Part of the issue is that observation missions like the one in Ukraine must be approved by consensus of all countries, so Zannier must remain extremely diplomatic.

“It’s more difficult to operate by consensus,” Zannier said. “It takes more time.”

It also takes speaking extremely carefully. At one point, Friedman asked Zannier if member states like Poland and the Baltics were right to be afraid of a Russian aggression.

“I think the concerns are legitimate and we are taking them into account, too,” Zannier said.

“So what does it mean: ‘taking concerns into account?'” Friedman asked.

“This means that I give them a platform to clarify, and, first of all, to express their concerns, and then to discuss them with everybody else,” Zannier responded.

Could the OSCE push harder for democracy and human rights?

The OSCE isn’t just a security organization, their mandate also extends to “respect for human rights and fundamental freedoms, including the freedom of thought.”

On Conflict Zone, Friedman pressed Zannier on where the organization stands: “Are we talking about a Russian version of human rights? Are we talking about a Kazakh version of democracy? A Turkish one? Or perhaps western principles? I mean, which is it?”

“There is not a single model of democracy,” Zannier responded. “So democracy must take into account culture, history, social aspects of each of the countries. So there isn’t a blueprint that can be applied. (…) Democracy is work in progress.”

Zannier has worked in international diplomacy for his entire career, starting out in the Italian foreign service, working through positions at the United Nations and OSCE, with a focus on arms control and security issues. He was appointed Special Representative of the UN Secretary-General for Kosovo from 2008 to 2011. He took office as Secretary General of the OSCE on July 1, 2011.

Source: Is the OSCE still relevant? | Europe | DW.COM | 04.05.2016

PERSINO LONDRA è CONTRO IL TTIP. E NOI INVECE, OBBEDIAMO. 

Scritto da Maurizio Blondet, 27 aprile 2016 

La buona notizia: subito dopo la visita di Obama che ha ordinato di non uscire dall’Europa, il numero degli inglesi che voteranno il Brexit è diventato maggioranza. E’ la prima volta, secondo i sondaggi. Ma non è tutto ‘merito’ del mezzo-kenyota (come l’ha chiamato il sindaco della capitale Boris Johnson).

E’ che è ora pubblico il rapporto della London School  of Economics sugli effetti del TTIP, il trattato transatlantico.

Lo studio l’aveva commissionato Cameron, sperando di trovarvi argomenti per la sua propaganda atlantista. Dopo averlo  letto, l’ha secretato. E’ stato costretto  a  rilasciarlo  in base al Freedom Of Information Act (un tipo di legge sulla libertà d’informazione che in Italia non esiste) su istanza giudiziaria di  Global Justice Now, un gruppo di cittadini attivi.

La London School (LSE) è una storica università  imperiale, una delle centrali dell’ortodossia liberale, ovviamente pro-governativa,  mica un sito alternativo. Ebbene: la sua valutazione del TTIP è devastante. Per il Regno Unito, dice chiaro, l’introduzione del Trattato transatlantico “configura moltissimi rischi e quasi nessun beneficio”.

L’istituto – che è una voce autorevolissima –  punta il dito specificamente sulle camere arbitrali,  i tribunali (privati e segreti) istituiti dal Trattato, davanti a cui le multinazionali possono trascinare gli Stati, protestando che certe leggi ostacolano il suo business, e quindi la libera concorrenza.

Fra gli esempi, il LSE ne ricorda alcuni: l’Australia querelata dalla Philip Morris per aver imposto per legge pacchetti anonimi; la Philip Morris che denuncia l’Uruguay per aver questo stato messo un annuncio del tipo “Il fumo danneggia la salute” sui pacchetti.

Esempi più sinistri ancora: l’Argentina denunciata e condannata per avere bloccato i prezzi  delle bollette elettriche,  a protezione dei cittadini consumatori, durante il tragico collasso economico.  La Veolia, la multinazionale francese che gestisce i servizi di acqua, energia e nettezza pubblica, la quale ha avuto lo stomaco di denunciare l’Egitto per aver introdotto il salario minimo, cosa che secondo la ditta la danneggia.

Non potrebbe essere più chiaro: non è capitalismo, è il ritorno alla legge della jungla.Il Regno Unito, che nonostante il suo liberismo mantiene una legislazione sociale robusta, si troverebbe in modo permanente sul banco degli accusati, soggetto a multe e punizioni e obbligato a cambiare punti essenziali del diritto. “C’è motivo – dice il LSE – di aspettarsi che il trattato UE-USA imporrà costi significativi al governo. Basandoci sull’esperienza del Canada nel NAFTA [il trattato pan-americano gemello del TTIP], ci dobbiamo attendere che le clausole di “protezione dell’investitore” [del TTIP]  saranno regolarmente invocate da investitori USA per atti del governo  del Regno che di norma non sono contestabili secondo il diritto nazionale”.  Per cui, continua l’Istituto con tipico understatement, “si ha poco motivo di ritenere che [il Trattato] darà al Regno Unito benefici di qualche significato.  Si ha scarso motivo di credere che darà al Regno Unito benefici politici significativi”

Chi vuole leggere l’intero studio, lo trova qui: http://www.globaljustice.org.uk/news/2016/apr/25/foia-reveals-governments-assessment-ttips-corporate-courts–lots-risks-and-no

Né vantaggi economici, né politici. A questo punto bisogna chiedersi perché i “nostri” governanti  europei, quelli che in qualche modo abbiamo eletto a rappresentarci, stiano ancora operando sottobanco – in combutta con Bruxelles – per ingabbiarci nel TTIP. Qui evidentemente obbediscono ad ordini che superano persino il livello del  presidente USA,  quello che può essere sbeffeggiato mezzo-kenyota;  un ridicolo personaggio che fra pochi mesi non conterà più nulla  (in Italia, laudatissimo  fino alla fine  dal Partito Radicale, il più americano dei gruupuscoli).

Ha detto alla Merkel che accogliendo milioni di profughi “è nella parte giusta della storia” un tizio, pateticamente fallito, che fra un anno sarà nella  discarica della storia.  Non è certo lui ad avere la forza propria per ordinare agli europei quel che ha ordinato: accelerare l’approvazione del TTIP, continuare le sanzioni contro la Russia, dare più soldi alla NATO impegnata in rotta  bellica contro Mosca.

Obama e i suoi successiEppure la Merkel , Hollande, Renzi hanno accettato tutti i diktat senza  un’obiezione (solo Hollande, incredibile, ha piagnucolato che è difficile far passare il TTIP senza revisioni:  dato  lo stato di rivolta dei francesi, è comprensibile).  La Merkel soprattutto:  in calo  elettorale, col disastro della “accoglienza”   che ha mostrato la stupidità della sua leadership,  e destabilizzao   la UE; con la maggioranza dei tedeschi che vogliono la fine delle sanzioni anti-russe secondo tutti i sondaggi; con la sorella Austria che alza le barriere per non essere invasa, e dà  una simbolica maggioranza al partito “xenofobo”  –  non ha certamente alcun vantaggio, né economico né politico, da riscuotere  per il suo servilismo. Lei, da sempre ossessionata dai sondaggi, fa’ harakiri politico  pur di obbedire alla Forza Oscura che dirige i destini poltici d’Europa.

Nelle settimane scorse, la Commissione europea ha continuato l’inglobamento di fatto dell’Ucraina –  sta abolendo i visti – all’indomani del referendum dove il 64% degli olandesi ha detto NO.  “La gente vota per qualunque cosa, ma di rado sul tema del referendum”,  ha schernito quel risultato Martin Schulz, il presidente del palamento europeo:  Schulz ha  il fiato pesante di totalitarismo, si sente troppo  che  sta obbedendo alla Forza.  Sui paesi che hanno elevato controlli per non essere invasi dagli immigrati,   lo stesso personaggio ha parlato con spregio di “ricchi che abitano da qualche parte e chiudono la porta”, di “egoisti, di nazionalismo che non è che un egoismo allargato”. Ora, chiamare “ricchi” gli ungheresi, è veramente odioso. E ciascuno è in grado di notare come Schulz usi gli stessi argomenti e lo stesso disprezzo del primo Papa la cui elezione è  stata salutata con trionfo dalla Massoneria.

Ad Hannover, investita da una colossale manifestazione anti TTIP, la Merkel s’è accordata con Obama di approvare e far approvare dagli europei il TTIP entro l’anno.  Bruxelles ha di nuovo aperto alle sementi e ai pesticidi Monsanto.  Nessuna protesta dei “nostri governanti”  contro il fatto che gli Stati Uniti, in Siria, hanno violato il cessate-il-fuoco e stanno fornendo armamento eccezionalmente pericoloso per l’aviazione russa:  come ha rivelato la rivista Janes’s, inglese, un’autorità nel suo genere e non certo anti-occidentale.

armi usa ai terroristi

http://www.janes.com/article/59374/us-arms-shipment-to-syrian-rebels-detailed

 

A quale Forza obbediscono? Non si può qui evocare che il celebre detto del banchiere James Warburg (1896-1969), membro del Council on Foreign Relations  al Senato americano: “Avremo un governo mondiale, che vi piaccia o no. La sola questione che si pone è di sapere se questo governo mondiale sarà stabilito col consenso o con la forza ”

Ma la colpa finale non pesa sui “nostri” governanti. Pesa su di noi, passivi incapaci di difendere i principii della libertà e della dignità. Il totalitarismo del 21mo secolo ci è sopra,  e noi “vigiliamo” sì, ma contro il Nazismo, il “fascismo”, l’autoritarismo, la “xenofobia”….. Come ci ha prescritto il loro Mattarella.  E Schulz, e El Papa.

Forse si salveranno gli inglesi. E forse, anche noi.

Source: PERSINO LONDRA è CONTRO IL TTIP. E NOI INVECE, OBBEDIAMO. – Blondet & Friends

Fate of ‘Jihadi John’ Is Unknown After Airstrike, Kerry and Cameron Say – The New York Times

LONDON — Secretary of State John Kerry and Prime Minister David Cameron of Britain said on Friday that they did not yet know the outcome of an airstrike the American military launched on Thursday to kill Mohammed Emwazi, the Islamic State’s most notorious executioner.

The two officials spoke, in separate briefings in Tunis and London, the morning after the Pentagon confirmed that the airstrike, near the Islamic State stronghold of Raqqa, Syria, had targeted Mr. Emwazi, a 27-year-old British citizen who became known as Jihadi John.On Friday, a senior official with the United States military said it had used a Reaper drone armed with Hellfire missiles to attack a car in which Mr. Emwazi and another militant were thought to be traveling.

“We think we got him,” said the official, who spoke on the condition of anonymity to discuss operational details, adding that it could take a few days to get solid confirmation.

Calling the Islamic State an “evil terrorist death cult,” Mr. Cameron defended the decision to target Mr. Emwazi, who was born in Kuwait and is a naturalized British citizen, as “an act of self-defense” and “the right thing to do.

“We have been working, with the United States, literally around the clock to track him down,” Mr. Cameron said. “This was a combined effort, and the contribution of both our countries was essential. Emwazi is a barbaric murderer.”

Using an alternative acronym for the Islamic State, which is also known as ISIS, Mr. Cameron added, “He was ISIL’s lead executioner, and let us never forget that he killed many, many Muslims, too.”

At a news conference in Tunis, Mr. Kerry confirmed that the outcome of the airstrike was not yet known but said that it should serve as a warning.

“We are still assessing the results of this strike, but the terrorists associated with Daesh need to know this: Your days are numbered, and you will be defeated,” Mr. Kerry said, using an Arabic acronym for the Islamic State. “There is no future, no path forward for Daesh, which does not lead ultimately to its elimination, to its destruction.”

Civil liberties advocates have criticized any official British attempt to kill Mr. Emwazi as possibly unlawful, in a debate that paralleled the criticism over the Obama administration’s decision to target and kill Anwar al-Awlaki, an American-born cleric and a United States citizen, in Yemen in 2011.

 

Mr. Emwazi, who was first known only as an unidentified, masked man with a British accent, first came to prominence in August 2014, when the Islamic State released a video in which the journalist James Foley was shown reading a statement criticizing President Obama and the American military operation against the Islamic State in Iraq. His captor then beheaded him off camera and then threatened to behead another journalist, Steven J. Sotloff, if his demands were not met.

Two weeks later, the Islamic State released a video showing the masked man beheading Mr. Sotloff.

The Washington Post revealed Mr. Emwazi’s identity in February, reporting that he grew up in a well-off family that moved to Britain when he was a child, and that he had studied computer science at the University of Westminster. The revelation touched off intense examination of the causes of radicalization among Muslim immigrants in Europe.

Mr. Emwazi was part of a group of network of friends, called the “North London Boys” by some intelligence analysts, who prayed at the same mosque and became captivated by an Egyptian-born cleric, Hani al-Sibai. Mr. Sibai is thought to have close links to the Tunisian branch of Ansar al-Shariah, a Salafist group that has been linked to a deadly attack in June on tourists in Tunisia.

The leader of this network was Bilal al-Berjawi, who was stripped of his British citizenship in 2011 after he went to Somalia to join the Islamist group known as the Shabab, and was killed by an American drone strike the next year. That same year, Mohamed Sakr, another friend, was also killed by a drone strike in Somalia.

Continue reading the main story Fate of ‘Jihadi John’ Is Unknown After Airstrike, Kerry and Cameron Say – The New York Times

Seraman_Logo_linkhttp://www.seraman.com

Putin repeats promise to ‘defend’ Russians abroad while NATO prepares for worst 

NATO Secretary General Jens Stoltenberg says the military alliance is ready to defend its members against Russia’s growing military threat to European and global security.

Russia invaded Ukraine last year, sending special forces to seize Crimea and thousands of Russian troops also occupy eastern regions of the country.

“NATO has to be able to defend any ally against any threat. We are able to do that today but we have also to recognise that the world is changing and therefore NATO has to adapt and now we are addressing the challenge of what we call long-term adaptation. We have also increased our presence in the eastern part of the alliance with more pre-positioning and also with the establishment of the small headquarters, the NATO force integration units and they are key because they are the link between national forces and NATO forces,” Stoltenberg said.

Over the last two years Russia has conducted numerous large-scale military exercises.

Seraman_Logo_link

Most recently in October Russian elite special forces carried out anti-terrorist operation drills in the southern Krasnodar region bordering Crimean peninsula, annexed from Ukraine.

Watch also UT’s Viewpoint with NATO advisor and Polish military expert Boguslaw Pacek talking about Ukraine’s NATO prospects

The drills come against a backdrop of the invasion of Ukraine and thinly veiled threats to other former Soviet Republics.

In Moscow on Thursday, Russian President Putin vowed to protect Russians in conflict areas and said he would ensure Russians “living abroad” would always have “their interests” protected.

Watch the video & Source: Putin repeats promise to ‘defend’ Russians abroad while NATO prepares for worst – watch on – uatoday.tv

Refugees flooded Germany: tightening migration laws – chance to overcome the crisis! 

response-345553

 

Sure, Immigration is nowadays “the problem”, so it seems to be normal reading about many conferences or discussion (both to a national and european level) held in order to find a solution!

The following article describe how this discussion is held in Germany, and what are the main concerns and possible solutions… But what about if we did not attack Libia four years ago, and if we did support Syria when the rebels started to fight?  and what about if Europe would have helped Italy in its effort to stop the illegal immigration?

There would be many other questions to raise, but I believe you all have got the point.  Up until today, the whole Europe, have been pretending to be safe and protected by such huge drama… Non of the EU nations has ever mentioned to intervene in the “Syrian problem”, and today, when it is to late, Eu is looking for a new solution, able to justify its past mistakes.

Today politicians, economists and other are trying to convince the EU citizens that Immigrants are a good thing, to the point that media are now stressing on the idea that immigrants are the only resource to finally provide us new power for our future grow and development.

I personally have many doubts about these assertions, at least considering that when you need qualified people in your factory or company, you do not open the main gate and let anybody comes in… No you normally ask for CVs, you made interviews and finally you select only the people that you recognise as the one you where looking for!

But this is only my humble opinion!

Danilo Amelotti

Seraman_Logo_link

READ THE ARTICLE: 

The main stream of refugees is moving from the south across the border with Austria, through the so-called Balkan route, and therefore the greatest burden falls on the shoulders of Bavaria. In the current critical situation in the region for the state government makes tough statements and appeals to the Chancellor to introduce restrictions on the admission of refugees.”Suddeutsche Zeitung”, citing its own sources in the European Commission hastened to announce that Berlin and the European Commission discuss the possibility of introducing “refugee solidarity tax.”

As noted in the publication, this tax would be levied by raising value added tax and taxes on production and import of oil and oil products, and then transferred directly to the budget of the European Union.

The collected funds are supposed to be used to contain the influx of illegal migrants into Europe, by improving the living conditions in countries of origin of refugees and strengthening the protection of external borders of the European Union.

According to the results of a sociological survey conducted by the Institute for Public Opinion Research “Emnid” ordered by “Bild am Sonntag”, almost half of Germans (48 percent) do not approve the policy of Chancellor Angela Merkel on refugees. At the same time 38 percent of the respondents support Chancellor’s immigration policy.

As evidenced by the results of the study, a vast majority of Germans believe that Germany will not be able to protect themselves from the influx of refugees. This view was expressed by 76 percent of the poll participants. Meanwhile 50 percent of respondents believe that Germany can cope with the migration crisis.In the face of growing discontent of the population with migration policy of the ruling coalition, Angela Merkel again came to the defense of its policy toward immigrants.

“We should warmly welcome the refugees, like all other people, and this, in my opinion, is the fundamental principle of humanity in our country,” – she said in an interview with “Bild” newspaper. According to the German Chancellor, due to the good economic situation in Germany, the government does not intend to impose a tax of solidarity with refugees, nor raise existing taxes.Despite criticism from the supporters of the Christian parties bloc, she is “deeply convinced” of her course, Merkel said. Falling popularity among voters are not “measuring” the correctness of her actions, she said.

IMMIGRAZIONE- L’EVOLUZIONE DELLE GUERRE DI TRINCEA-danilo-amelotti.com

 

At the same time Merkel indicated that the crisis associated with the influx of refugees can only be resolved in cooperation with European partners. “The whole of Europe must exert efforts to strengthen external borders and at the same time a fair distribution of the refugees between its members,” – she said. In addition, the problem needs to be addressed on a global level, fighting the causes of people fleeing from the crisis regions, further stressed the head of the German government, while pointing to the war in Syria.

But in spite of that Germany continues to welcome refugees, record, distribute on federal lands, provide accommodation, catering, provide medical assistance. However, given the rapid increase in the number of asylum-seekers, the German administrative structures and tens of thousands of volunteers are on the brink of their capacity. There is a lack of hostels and staff.

The figures speak for themselves. In September, it was an absolute record – there were more than 43 thousand asylum seekers registered in Germany. The total number of refugees who arrived in the country in September, is several times more – 164 thousand.

The bulk has no time to submit an application.Still, the problem of reception of refugees would be much less acute if the shelter was asked only by those who were really subjected to political repression at home and had their life threatened. But in the general flow arriving in Germany, are people from safe countries.

According to statistics, in September, the first place among the number of asylum seekers in Germany were Syrians, but in the second – the Albanians, on the fifth and sixth – Serbs and Macedonians, on the ninth – the Kosovars. At the same time immigrants from the Balkan countries have almost no chances to remain in Germany as their countries are recognized by the European Commission as safe.

Bavarian Prime Minister Horst Seehofer, where the authorities have to take the lion’s share and redistribute refugees arriving in Germany via the Balkan route through Austria, proposed to establish a transit zone at the border. The idea was supported by the conservative German Interior Minister Thomas de Maiziere.In such areas, they point out, it would be possible to clearly identify economic refugees from safe countries that do not have grounds for asylum, screen out persons with false documents promptly – within a couple of days – to make a decision on their applications and then send home. It is suggested to use approximately the same practice that is used in German airports.At the air

Source: Refugees flooded Germany: tightening migration laws – chance to overcome the crisis / Russian peacekeeper

Putin avverte: guerra mondiale sempre più probabile!

Tra i molti articoli riguardanti Putin e le sue discussioni sui recenti fatti che coinvolgono la Russia nella guerra al terrorismo in Siria, l’articolo che segue da una buona visuale sui problemi che tutto il mondo potrebbe presto dover affrontare.

Non si può negare che, nell’immobilismo generale, Putin sia al momento l’unico Leader “occidentale” a contrastare con mano ferma la predominanza terroristica nella regione.  Non solo, spesso le sue allocuzioni palesano e ripercorrono pensieri comuni letti nei vari commenti a fatti recenti in tutte le piattaforme di social media, ovvero, la dove a parlare non sono testate giornalistiche strumentalizzate o politici che mirano a conquistare una o un’altra fazione, ma sono “la gente qualunque”, che vedendo ciò che succede nel mondo esprime il suo “semplice ed ingenuo” pensiero!

Si potrebbe pensare che anche il Presidente Putin legga i Social media, e nel tentativo (per il momento di successo) di conquistare l’opinione pubblica, segua semplicemente il desiderio del popolo.  Ma bisogna comunque fare attenzione;  non bisogna infatti credere che “il lupo” sia improvvisamente diventato buono, bensì capire che comunque la si voglia mettere e guardare, quel lupo sta facendo il suo interesse, e che quando esso cesserà, probabilmente, ritornerà ad essere quel lupo che tutti conoscevamo.

In virtù di questa mia considerazione allora, sarebbe bene che le nostre forze politiche smettessero di tergiversare su ogni decisione (quasi come se il tempo possa realmente risolvere i problemi la dove ormai sono diventati fatti), ed iniziassero ad attuare delle reali politiche estere difensive dei nostri e degli altrui diritti e territori!

Come sempre vi lascio all’articolo dal quale ho preso spunto, con la certezza che molti di voi non potranno far altro che pensare: “cavolo, Putin ha proprio ragione”!

Danilo Amelotti

Seraman_Logo_link

L’ARTICOLO:

Agli Usa: “perchè fare distinzione tra i terroristi in moderati e non moderati? Le armi fornite alla cosiddetta opposizione ‘moderata’ in Siria sono finite direttamente nelle mani dei terroristi”.

ROMA (WSI) – L’avvento di una guerra mondiale sta diventando ogni giorno più probabile. A lanciare l’allarme – o la minaccia? – è Vladimir Putin, presidente della Russia, che non ha assolutamente intenzione di fare un passo indietro nelle strategie ben chiare di politica estera, e che accusa piuttosto gli Stati Uniti: “loro e solo loro sarebbero responsabili dell’escalation delle tensioni in Medio Oriente e nel mondo”… Anche perchè poi, sul fronte del disarmo nucleare – sottolinea – non c’è stato alcun progresso. Avevamo il diritto di aspettarci che lo sviluppo del sistema missilistico di difesa degli Usa si sarebbe fermato. Ma non è accaduto nulla del genere, dal momento che invece continua. Questo è uno scenario molto pericoloso, che arreca danni a tutti, inclusi gli Stati Uniti stessi. (…)

Alcuni hanno anche l’illusione che una vera vittoria di una delle varie controparti possa essere raggiunta in un conflitto globale, senza conseguenze irreversibili per lo stesso vincitore – sempre se ce ne sarà mai uno”, è quanto ha detto Putin, in occasione del forum di Valdai, che si è tenuto a Sochi.

LEGGI:  IL PARTITO DEMOCRATICO AUTORIZZA L’EMBARGO ALLA RUSSIA SPINGENDO PMI ITALIANE AL FALLIMENTO E ONESTI LAVORATORI IN MEZZO ALLA STRADA

Putin ha confermato la sua volontà di abbattere il terrorismo, tornando a giustificare la strategia militare e di geopolitica che lo ha portato a intervenire in Siria.

“Noi continueremo a fornire assistenza a tutti i paesi minacciati dai terroristi”.

Una critica aperta verso la politica estera degli Stati Uniti è arrivata nel momento in cui ha affermato che non esiste alcun bisogno di fare distinzioni tra i terroristi moderati e non.

“Perchè fare questo gioco di parole e dividere i terroristi in moderati e non moderati. Qual è la differenza?”, ha detto il presidente russo. “Il successo nella lotta ai terroristi non può essere raggiunto usando alcuni di loro per rovesciare regimi che non piacciono, perchè poi è solo un’illusione quella di poterli gestire in un momento successivo”.D’altronde, “le armi che sono state fornite alla cosiddetta opposizione ‘moderata’ in Siria sono finite direttamente nelle mani dei terroristi”.

Secondo Putin, il pericolo è proprio nella convinzione degli Usa di avere la capacità di vincere una guerra contro quelle nazioni che fanno parte della loro lista nera (come appunto la Russia, l’Iran e la Cina).

“Washington crede che l’America possa vincere senza rischiare conseguenze simili ai danni che infliggono ai loro nemici. Ma questo, ha ripetuto Putin, è un calcolo sbagliato e pericoloso che potrebbe finire con il mettere in pericolo gli stessi cittadini Usa”.

LEGGI  Putin: la Federazione Russa istituirà un proprio sistema di pagamento nazionale

“Vorrei sottolineare ancora una volta che gli interventi della Russia in Siria sono completamente legittimi, e hanno come solo scopo quello di ripristinare la pace”; “noi dobbiamo unire gli eserciti siriani e iracheni e le fazioni curde per sradicare il terrorismo e siamo pronti a coordinare le nostre azioni militari con i partner occidentali”. (Lna)

Source: Putin avverte: guerra mondiale sempre più probabile | StopEuro.org

Libia, ira contro Italia: “Vostre navi da guerra in nostre acque”

Quindi mentre i Libici sembrano essere incapaci di fermare i migranti dal buttarsi a mare in cerca di una nuova vita nel vecchio continente… Mentre l’ISIS gira indisturbato sul territorio Libico… Mentre oltre 50 fazioni si scannano quotidianamente nel tentativo di conquistare il potere sulla Libia, I libici hanno tempo e risorse per far alzare in volo i loro caccia militari per controllare tre navi fantasma che parrebbero esser state in fronte alle loro coste…

Non so per voi che leggete, ma per me queste notizie fanno acqua da tutte le parti!

Danilo Amelotti

Seraman_Logo_link

Segue articolo come da titolo

ROMA – Ira del governo libico contro l’Italia per alcune navi da guerra italiane che sarebbero entrate nelle acque territoriali della Libia, “senza autorizzazione”.

In un comunicato apparso su Facebook e Twitter, Tobruk afferma che le tre navi sarebbero state avvistate sabato “nei pressi delle coste di Bengasi, a Daryana, circa 55 km a est della città”. E non manca di “condannare con fermezza” la presunta violazione, aggiungendo che utilizzerà “ogni mezzo per proteggere la nostra sovranità”.

Ma fonti della Difesa smentiscono categoricamente: né le unità militari di “Mare Sicuro”, la missione nazionale italiana per il controllo e l’assistenza ai migranti, né le navi di Eunavformed, la missione europea di sorveglianza al largo delle coste libiche, erano in zona o comunque sono entrare nelle acque territoriali libiche. Tuttavia la secca smentita non è bastata a placare l’odio l’odio antitaliano che sta montando in Libia.

Il cimitero cattolico italiano di Tripoli Hammangi è stato infatti di nuovo devastato. Lo ha fatto sapere all’Ansa, l’Associazione Italiana Rimpatriati dalla Libia (Airl), facendo pervenire anche delle fotografie.

Tobruk invita l’Italia “a rispettare i trattati firmati tra i due Paesi” e bolla “l’ingresso delle navi italiane come un atto contrario a tutti gli accordi internazionali ratificati dall’Onu”.

Il capo di Stato maggiore libico, Saqr Geroushi, citato dai media locali, ha infine specificato che l’aviazione libica ha fatto decollare ieri, in tarda serata i suoi caccia militari per “monitorare l’attività delle navi da guerra italiane”.

Source: Libia, ira contro Italia: “Vostre navi da guerra in nostre acque”Blitz quotidiano