Abbiamo visto tutti i fatti recenti successi in Nuova Zelanda e nello Sri Lanka. 

Da una parte un individuo, che armato di tutto punto, decide di penetrare in due luoghi sacri islamici (due moschee) e apre il fuoco su tutte le persone che erano all’interno (e all’esterno). Nessuno si perita (giustamente) a indicare chiaramente il soggetto con il suo appellativo “Suprematista Bianco”, che lo distingue nettamente dal resto della popolazione e che lo colloca precisamente in una categoria ben definita 

Dall’altra, un gruppo di individui (quindi non solo più il singolo ma il gruppo) che penetra in molteplici locazioni e si “immola” alla sua causa, facendo esplodere lo zaino contenete grossi quantitativi di esplosivo e uccidendo centinaia di persone. Qui tutti si peritano a dare chiara categorizzazione, sia delle vittime che dei carnefici. Qua si parla di “adoratori della pasqua” (le vittime), e di fanatici religiosi (i carnefici). 

La somma ed analisi fredda e crudele di questi eventi è la seguente: 

Continua a leggere a:

https://www.linkedin.com/pulse/sicurezza-e-attitudine-da-struzzo-danilo-amelotti

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s