Allerta nei porti italiani: possibili attacchi via mare – IlGiornale.it

Vi sembrerà strano o addirittura esagerato, ma pensate, ora si temono attacchi anche sulla parte adriatica della nostra bella costa Italiana!

Strano che tutti i nostri esperti di antiterrorismo ed i nostri vari ministri si accorgano solo ora, cioè dopo quello che è successo in Siria, che forse l’Italia ha tanti lati e tanti punti deboli!

Io aspetto ancora i grandi titoli di giornale che diranno che ci aspettiamo attacchi interni studiati dai residenti ed attuati da qualche immigrato clandestino nella sua strada verso il nord!

Il Viminale si accorge che la minaccia jihadista arriva anche dai Balcani. Tra gli obiettivi sensibili, aggiornati dopo la recente spirale di attacchi in Francia, Tunisia e Kuwait, sono finiti i porti del Mare Adriatico, in particolar modo quelli di Ancona, Bari e Brindisi.

È qui che i terroristi dell’Isis o di altre sigle del terrore approdano per infiltrarsi in Italia e colpire le principali città europee.

 

Ora il ministero dell’Interno si aspetta attacchi via mare proprio come facevano negli anni Settanta e Ottanta i commando palestinesi contro Israele.

Da mesi i porti dell’Adriatico sono il punto di partenza dei foreign fighter europei per raggiungere la Siria e l’Iraq e combattere tra i miliziani dello Stato islamico. Adesso, però, si temono i rientri. Tanto che, come segnalato nei giorni scorsi dai servizi di intelligence britannici, gli stessi porti di Puglia e Marche rischiano di diventare il punto di ritorno per colpire l’Italia. Perché, mentre giustamente si teneva d’accordo l’avanzata dell’Isis in Libia, nessuno guardava ai Balcani dove da mesi sono apparse le prime bandiere del Califfato e dove sono attivi numerosi campi di addestramento per jihadisti. “La regione balcanica – spiega una fonte del Viminale al Messaggero – è nodale per il radicalismo di matrice islamica, soprattutto per l’attivismo incessante di soggetti e di gruppi estremisti di orientamento salafita, sempre più coinvolti nel reclutamento e nel trasferimento di jihadisti in territorio siriano e iracheno”. Particolarmente attivi sono quelli presenti in Albania, Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Montenegro e Serbia che ruotano attorno a leader per gran parte bosniaci e di etnia albanese. “Specie in Kosovo – continua il Viminale – al di là dell’approccio radicale predicato da taluni imam, l’idea del jihad sembra prendere piede soprattutto piede soprattutto in alcune aree meridionali del Paese, dove il diffuso disagio socio-economico accentua la permeabilità, specie tra i più giovani, all’azione di proselitismo di impronta salafita”.

Già dopo il brutale attacco al museo del Bardo, la Difesa aveva rafforzato le misure di sicurezza nel Mar Mediterraneo armando “unità navali, team di protezione marittima, aerei, elicotteri e velivoli a pilotaggio remoto e da ricognizione elettrinica” per proteggere “le linee di comunicazione dei natanti commerciali e delle piattaforme off shore nazionali” e “sorvegliare le formazioni jihadiste”. Dopo le stragi alla fabbrica di Saint-Quentin-Fallavier e sulla spiaggia di Sousse, il Viminale ha ulteriormente alzato il livello di allerta individuando ottantacinque possibili jihadisti, mettendo sotto controllo una decina di centro di preghiera radicalizzati e autorizzando un giro di vite sulle espulsioni. “Chi non ha diritto a stare in Italia, va rimpatriato – ha dichiarato ieri il ministro dell’Interno Angelino Alfano – accogliamo i profughi e facciamo tornare a casa chi non ne ha diritto”.

via Allerta nei porti italiani: possibili attacchi via mare – IlGiornale.it.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s