COMMENTI SU “Vanessa e Greta tornano a casa: liberate le italiane rapite in Siria”

Ormai sono passati alcuni giorni dalla notizia, ed io mi sono astenuto dal far commenti… se in parte questa astensione deriva dal fatto di “volerci veder meglio”, dall’altra deriva da una mia allergia a tali situazioni.  Quando le notizie sono fresche ed i sentimenti ardono si rischia sempre di scrivere Sterili ed Inutili sproloqui… invece a me piace discutere in modo civile e sensato, analizzando le situazioni da una prospettiva “Neutra”.

Oggi un mio amico e Maestro(G.R.  “RICCIO”)  mi ha dato lo spunto, o meglio il testo vero e proprio di quello che avrebbe potuto essere il mio commento.  

Vanessa e Greta tornano a casa: liberate le italiane rapite in Siria

Metti un cittadino comune, uno di quelli che se ne sta tranquillo a casa propria, a lavorare, rispettando le regole e pagando le tasse, se questo cittadino in Italia fosse rapito dall’anonima sarda (è un esempio, non me ne vogliano i Sardi), lo Stato “che ha già peccato permettendo che a un suo Cittadino venisse a mancare la giusta sicurezza per cui ha pagato le tasse”, sequestra alla famiglia tutti i beni, poiché non possa pagare alcun riscatto. Secondo lo stato non bisogna pagare i riscatti ai rapitori per evitare di sovvenzionare la criminalità (sacrosanto aggiungo io). Se poi, nonostante tutto il rapito viene liberato, la magistratura indaga famigliari ed amici per capire se è stato pagato qualcosa. Se invece del povero Cittadino a essere “rapito” è una signorina un po’ annoiata e viziata, magari anche un po’ radical chic, che guarda a sinistra e va in giro avvolta in una bandiera che non è la sua, che magari ignorando ogni principio del buon senso, va a fare la buona samaritana in luoghi in cui non ce l’ha mandata nessuno (per ora), e se invece dell’anonima sarda a rapire sono terroristi islamici, allora il governo dimentica le leggi da lui stesso volute e privo di ogni coerenza e rispetto nei confronti del popolo Italiano “Delinque”. E come il governo “delinque” la magistratura che non solo non attua le leggi bloccando i fondi, ma soprattutto non interviene per indagare sui fatti. (non sono avvocato ma secondo me “se” hanno pagato, chi ha dato il consenso “governo” andrebbe indagato per favoreggiamento ed istigazione a delinquere).
Morale:
• Se sei un cittadino normale e finisci nelle mani dei criminali comuni, per lo Stato puoi anche morire.
• Se sei un incosciente, se metti a repentaglio la vita altrui se fai azioni che nessuno ti ha chiesto di fare, lo Stato ti coccola, “paga “, ti manda un aereo privato a prenderti, e ti riceve con il ministro degli interni sotto l’aereo, poi ti fa diventare un’eroina. Ora aspettiamoci di rivederle a Verissimo, dalla D’urso e magari nelle liste elettorali alle prossime politiche (vedi la sgrena).

Vanessa e Greta tornano a casa: liberate le italiane rapite in Siria.

Published by

Danilo Amelotti

I am a former Italian SPECOPs; after 25 years of service I left the active duty and I am now private trainer and co-owner of Tactical News Magazine International. I will write about my past and present experiences, trainings and training methodology, and I will comment actual event (mainly related to my past activities). Finally you will also find reviews on equipment and weapons. Sono un Incursore in congedo; dopo 25 anni di servizio ho lasciato il servizio attivo e sono ora un istruttore privato e comproprietario di Tactical News Magazine International. Sul mio blog scriverò articoli riguardanti le mie esperienze passate e presenti, parlerò' di addestramenti vari e metodologie di insegnamento, ed ovviamente commenterò' fatti attuali (maggiormente correlati con la mia passata esperienza). In fine pubblicherò' anche test di equipaggiamenti vari.

One thought on “COMMENTI SU “Vanessa e Greta tornano a casa: liberate le italiane rapite in Siria””

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s